Liebster Award 4.0

Liebster Award 4.0

Cari amici e care amache,

come molti di voi ricorderanno – lo ricordate, vero??? – quasi un anno fa ricevetti il premio “Talento innato” dal collega Do. Oggi la storia si ripete con il premio “Liebster Award 4.0”, conferitomi da Manu del Blog “Un viaggio per due. Il Liebster  è – cito testualmente – un premio che i blogger conferiscono ad altri blogger in base a criterio e gusto personale. Esistono molti premi di questo tipo, ma il Liebster ha sicuramente qualcosa in più. Che è… che è… oddio, non lo so cos’è, ma me lo sento che è così! Altrimenti non me lo avrebbero dato.

Come in ogni Blog-Award che si rispetti, vi sono delle regole che vado tosto a snocciolarvi:

  1. Ringraziare il blog che ti ha nominato
  2. Rispondere a 10 domande
  3. Scegliere 10 blog da nominare
  4. Porre 10 domande
  5. Comunicare la nomina ai 10 blog scelti

Ok, cominciamo: GRAZIE MANU di “Un viaggio per due“!!! E veniamo alle 10 domande a cui, come da regolamento, devo rispondere:

  1. Perché hai aperto un blog? – Semplicemente, aspiravo a vincere il Liebster Award 4.0, perciò adesso posso chiudere baracca e burattini… ma no, dai, scherzo! Paura eh? Dai, non disperatevi: vado avanti, lo giuro! Venendo al vero motivo, il mio primo blog (“L’albero delle nuvole“) lo aprii perché un mio amico ce l’aveva e le nostre amiche parlavano solo con lui: sì, insomma, è stata pura e semplice invidia.
  2. Riassumi te stesso e il tuo blog. – Riassumere me stesso? Troppo facile! Leggetevi il mio blog, porca miseria! Per quanto riguarda riassumere il blog… beh, dovrei prima leggere quello che scrivo!
  3. Se fossi una città, quale sceglieresti di essere? In quale ti identifichi? – Questa è una domanda veramente difficile. Non ne ho ancora trovata una che mi somigli. In ogni città che ho visto manca sempre qualcosa. O c’è qualcosa di troppo. Chissà, forse sono fatto per vivere in un’isola deserta. Con una buona connessione wifi.
  4. A chi ti ispiri quando scrivi? – Se mi ispirassi a qualcuno, significherebbe che leggo dei libri. Ma, ahimè, sono un lettore molto, molto pigro! Perciò la risposta è: a nessuno.
  5. Qual’è il tuo paesaggio preferito? Quello che ti ispira… – Probabilmente il mare.
  6. Qual’è la colonna sonora dei tuoi viaggi? – Qualunque cosa io possa cantare a squarciagola!
  7. Come prepari un tuo articolo? – Qui si va sui segreti del mestiere. In effetti – nel mio piccolo – un minimo di metodo ce l’ho. Ricevuta l’ispirazione iniziale, questa deve decantare per qualche tempo (a volte molto lungo!) nella memoria e nei miei sogni. Quando l’idea è matura – se matura! –, allora prendo questo piccolo nucleo iniziale e comincio a ricamarci sopra. E ricamo, ricamo, ricamo… A dire il vero, c’è poca sostanza e molto ‘artificio’, nei miei post. È per questo che in vita mia ho scritto pochissimi racconti, né sono mai riuscito a scrivere un romanzo. Spesso divento prolisso, perciò l’ultima fase è tagliare, sforbiciare, limare. È la fase più dolorosa, perché nessuno vorrebbe mai buttar via niente di quello che scrive, ma è un male necessario. Insomma, dietro un mio articolo, per quanto futile, c’è molto lavoro di cesello. Di rado scrivo di getto e quasi mai pubblico un articolo così come viene… Il mio motto è: “Se niente hai da dire col tuo dire, fai almeno che sia un bel dire!”
  8. Come ti immagini da qui a qualche anno con il tuo blog? – La mia immaginazione, purtroppo, non va oltre dopodomani.
  9. Che tipo di lettore immagini che legga il tuo blog? – Amici, conoscenti, parenti. Credo siano pochi i lettori che non mi conoscono nella vita reale. Del resto, non avendo uno stile “uniforme”, né argomenti forti, dubito che avrò mai un pubblico categorizzabile.
  10. Quale consiglio daresti agli altri blogger come te? – Per carità, smettetela di essere come me! 😉

Ora arriva la parte più difficile. Nominare altri 10 blogger. Qualora abbiate avuto la pazienza di arrivare fin qui, solo per questo meritereste di essere nominati… Ve lo dico subito: non riesco a seguire tanti blog. Inoltre non voglio nominare quelli che ho già nominato in occasione del premio precedente: sono infatti convinto che questi cosiddetti premi servano essenzialmente a conoscersi tra blogger, perché questo bellissimo strumento di comunicazione non si riduca all’ennesimo social network per opinionisti logorroici, sedicenti artisti e dilettanti allo sbaraglio… Per queste ragioni, mi limiterò a nominare i blog che leggo assiduamente e che apprezzo davvero, dedicando – com’è mia consuetudine – due righe a di presentazione ciascuno di essi:

  • Franco Visintainer – Franco si autodefinisce apprendista fotografo”. La definizione mi piace, anche se – a pelle – Franco dev’essere un carattere spigoloso, uno che non ti regala niente. Nel senso positivo del termine. Del resto, le sue foto sono così belle che… mi accontenterei di essere io il suo maestro! – Post consigliato: “Vademecum
  • Domenico – Sul suo blog capito spesso, anche se non sempre mi piace quello che scrive. Però abbiamo avuto qualche scambio divertente, e ho scoperto che è un tipo diretto, senza fronzoli. Uno che ai like preferisce i commenti. Come me! – Post consigliato: “L’impossibile ricordo del prima
  • Pendolante – Lei pendola da quasi undici anni. Non importa se a bordo di un treno, di una bici o di un autobus di linea… Per lei la felicità è non guidare, per dedicare il tempo di ogni tragitto ad osservare, leggere, annusare l’umanità che viaggia con lei. – Post consigliato: “Libri pendolanti
  • Daniela Ariano – D. ha tre nomi, anche se il terzo non mi è noto. Regista ed autrice, scrive per il teatro e non solo. È una professionista con cui – da dilettante quale sono! – condivido una certa visione del teatro in genere e dell’essere attore in particolare. I suoi post sono rari e misteriosamente numerati… chissà perché? – Post consigliato: “10 – È teatro, parliamone
  • Officina Teatro ‘O – L’Officina è una scuola di recitazione di Firenze. Ci sono capitato per caso, cercando qualche blog che parlasse di teatro. Più che di un blogger, dovrei parlare di un sito che promuove le attività di una scuola. Ma lo fa in modo bello ed originale, attraverso l’esperienza personale e collettiva dei partecipanti ai corsi. – Post consigliati: la serie “Chi è di scena?“, dedicata agli allievi/attori
  • Manu – Colei che mi ha nominato… Per chi ama viaggiare, il blog di Manu – e di suo marito, se posso aggiungere! – è piuttosto originale. Molti post sono corredati di vignette della stessa autrice. Io non viaggio molto, ma traggo ispirazione per allungare la mia lista dei desideri e – soprattutto – proporre alla mia Trilly delle mete interessanti! – Post consigliato: “Basic Rules – La sicurezza

Ma veniamo alle domande cui gli sfortunati vincitori saranno (moralmente) tenuti a rispondere. Certo non è facile inventarsi 10 domande così, su due piedi! Come non è facile trovare il tempo di rispondere… perciò se i miei nominati non avessero voglia di dare seguito al mio appello, io non mi offenderò. Davvero, non mi offendo. Bastardi…

  1. Lo sai chi ha inventato il Liebster Award 4.0? (perché io non l’ho capito!)
  2. Sinceramente, perché pensi che i blogger si scambino questi “premi”? (al di là delle finalità dichiarate e copia-incollate)
  3. Trovi interessante/utile/divertente il blog che ti ha nominato? (cioè il mio!)
  4. Quanto tempo dedichi a leggere e commentare gli altri blog?
  5. Quanto tempo dedichi a gestire il tuo blog? (soprattutto a rimirare le statistiche!)
  6. Tra tutto ciò che pubblichi/hai pubblicato nel tuo blog, cos’è che ti da/ti ha dato più soddisfazione?
  7. Quanto influisce avere un blog sul tuo modo di comunicare e rapportarti con gli altri?
  8. Quali sono le condizioni migliori per sviluppare la tua creatività?
  9. Hai mai fatto teatro, e se sì, ricordi cos’hai provato la prima volta che sei salito sul palco?
  10. È nata prima la frittata o il pollo arrosto?

Bene, amici miei, tutto è compiuto! Mi resta solo da “comunicare” la nomina ai blogger premiati. Spero di non dover usare la PEC: ultimamente mi ha dato qualche problema

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Brontolii e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

12 risposte a Liebster Award 4.0

  1. manu ha detto:

    hahahahahahaha sagace interesante e mai scontato. Con la PEC hai vinto tutto!

  2. Pingback: Ambito premio: il Liebster Awards! | un viaggio per due

  3. Pendolante ha detto:

    Grazie, sono lusingata della tua nomination

  4. Franco ha detto:

    Mi accorgo ora di aver commentato l’articolo da qualche altra parte, ah l’età che brutta bestia.
    Avevo comunque scritto – Ma no dai spigoloso, a detta di chi mi conosce molto bene e mi sopporta “un incrocio tra un orso e un lupo”.
    In ogni caso mia ha fatto piacere e ti ringrazio.-
    Non avendo risposto, sarò passato per cafone, ma anche questo fa parte delle mie molteplici virtù.
    Ciao
    Franco

  5. Personaggio in cerca d'Autore ha detto:

    Non preoccuparti, è sufficiente aggiornare la definizione a “un incrocio tra un VECCHIO orso e un lupo RINCITRULLITO”. Eppoi lo sapevo, dentro di me, che da qualche parte, nell’universo, mi avevi già risposto 😀

  6. d. ha detto:

    Grazie!!! Il resto lo sai 😉 sto provvedendo. Le domande però, quella della frittata in particolar modo… 😀

Lascia il tuo Commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...