Il mio amico raffreddore

Con questo secondo post, apro una nuova rubrica, intitolata “Sta(rnu)tistica del raffreddore”. Non c’è niente da fare: per me il raffreddore è una presenza costante della mia vita. Quand’ero piccolo me ne beccavo almeno tre o quattro all’anno, sempre senza febbre. Letteralmente, per una settimana diventavo una fabbrica di fazzoletti usati…

I miei avevano cominciato a farmi fare il vaccino anti-influenzale (anche se non era proprio contro l’influenza), con il solo risultato che, se prima il raffreddore arrivava quando meno me lo aspettavo, allora il raffreddore arrivava regolarmente dopo aver finito il vaccino.

Con il passare degli anni, e con l’età adulta, ho imparato alcuni trucchi utili per non ammalarmi, di cui vi faccio dono in questo spazio:

  • Coprirmi bene quando fuori è freddo;
  • Evitare di uscire di casa con i capelli bagnati (per farli stare in piega);
  • Mangiare frutta e verdura (nel senso che prima non li mangiavo affatto).

Che ne dite? Interessante, eh? Eppure – come dice Carlo Conti – la sciarpa a volte non basta… E allora? Dovrei farmi di Actimel tutte le mattine solo per questo??? Ma valà, piuttosto, me ne sto a casa qualche giorno a farmi coccolare dalla mia fidanzata!

Comunque c’è di più… curiosando nel mio vecchio blog (sempre lui), mi sono accorto che proprio negli stessi giorni di 6 anni fa ero raffreddato esattamente come adesso: «… appena alzato mi scappa una scarica di starnuti che poi bisogna ritinteggiare le pareti…» (da un post del 27 febbraio 2004). Sarà mica l’orologio biologico che fa scattare il raffreddore ogni anno nello stesso periodo??? A dire il vero non ci avrei mai fatto caso, se non fosse stato per ‘sta storia del blog.

Dunque, è deciso; creo una nuova rubrica/categoria, così d’ora in poi potrò monitorare la storia dei miei raffreddori ed elaborare statistiche utili a prevenirli in maniera più efficace! Che genio, mamma, che genio…

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Brontolii e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Il mio amico raffreddore

  1. Maria Chiara ha detto:

    Riporto una tua frase:
    “Ma valà, piuttosto, me ne sto a casa qualche giorno a farmi coccolare dalla mia fidanzata!”
    il mio commento è:
    …ma per tutti i trentun’anni in cui non c’era lei, come facevi con il raffreddore???

Lascia il tuo Commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...